Come il viaggio ci ha insegnato a DARE VALORE AL TEMPO

571{icon} {views}

Quando siamo partiti per cercare di dare vita al desiderio di visitare tutte le regioni italiane, ci siamo sentiti immediatamente in debito di tempo.

“Oggi ci siamo ripresi il nostro tempo” scrissi di getto quel giorno.

Che il tempo sia il bene più prezioso che hai, già lo sai. Bene, lo sapevo anch’io, a livello teorico. Poi, però non trovavo la minima corrispondenza pratica del valore del mio tempo nella vita concreta. Sapevo che il mio tempo valeva, ma la quotidianità mi diceva tutt’altro. Questa rimase la mia situazione di insoddisfazione, fino a quando tutto non ebbe inizio e il mio concetto di tempo assunse, poco per volta, lentamente, connotati diversi. Quello che, fino allora evidentemente confuso era il fatto di dare, a prescindere, un valore al mio tempo, sulla base che fosse la cosa più preziosa che avessi a mia disposizione. Volevo più tempo per me, più tempo libero, come se avessi potuto aumentare le ore di un giorno.

Ma era davvero quello il mio problema? Le ore della giornata insufficienti?

Evidentemente, dal momento che ancora non ero soddisfatta, doveva esserci dell’altro. Quando partimmo, mi si aprì un mondo. Iniziai a pensare che, in fondo, il tempo era sempre lo stesso, lo stesso del giorno prima, lo stesso della settimana precedente. Era lo stesso e non avevo ragione di credere che valesse di più. Eppure, io mi sentivo immensamente facoltosa nell’essermi ripresa il mio tempo. La differenza era tutta rinchiusa in quei pochi metri di chiasso della cabina di un camper vecchiotto.

Val di Fassa cucù di Canazei

Non è il tempo ad avere un valore in sé e ciò che ne facciamo che lo rende prezioso e lo valorizza.

D’altra parte anche in un comune lavoro, quello che ti pagano, è alla fine il tuo tempo. Ma ti pagherebbero ugualmente se tu impiegassi lo stesso tempo nel fare niente? Se il concetto vale per il mondo esterno e la società non vedo perché non debba valere per se stessi.

Il viaggio, poi, ha continuato a farmi scoprire strumenti per valorizzare il mio tempo, giorno per giorno, rendendomi consapevole, lentamente, molto lentamente, di quali fossero le mie passioni e come renderle produttive. Con questo intendo utili per arricchire il mio spirito. Al momento della partenza, sapevo in linea di massima cosa mi piacesse fare, ma, soprattutto, conoscevo bene ciò che detestavo. Avevo impiegato giorni interi a dare il giudizio sulla qualità del mio tempo, senza rendermi conto che, intanto, libero o occupato che fosse, il mio tempo mi scivolava via, non mi lasciava niente, una volta passato. Non avevo valorizzato il mio tempo, se non in rare occasioni.

Quello che ho capito viaggiando è stato come rendere prezioso il mio tempo, prezioso per me.

Ed è vero non c’è ricchezza più grande, credimi. Il primo passo è capire cosa ti appaga, ciò che ti rende soddisfatto. Spegni tutto, non ascoltare i bombardamenti esterni che sono quotidianamente tantissimi e non fanno altro che distoglierti l’attenzione allontanandoti dal tuo obiettivo: dare un valore al tuo tempo.

Pensa solo a te stesso, in questo caso. Una volta trovata la tua passione, coltivala, curala e amala. Prima o poi sboccerà. A questo punto avrai già capito dove risiede l’importanza del tuo tempo, perché gran parte di esso sarà stato investito nel far crescere un qualcosa che ti piace e ti soddisfa.

Ma non è ancora finita, adesso arriva il bello.

Cerca di rendere la tua passione uno strumento utile. Il tuo personale mezzo di crescita, un modo di interpretare il mondo e di vivere la vita.

Da ogni passione nasce una grande energia, cerca di individuarla e di canalizzarla in modo da renderla efficace. Quando ho capito tutto questo ero ancora in viaggio e le maggiori difficoltà incontrate a questo punto erano legate proprio al tempo. Non riuscivo a far camminare di pari passo il mio tempo con quelli che erano diventati i miei strumenti di benessere personale. La soluzione è arrivata da sé, come una sorta di allenamento. L’ho trovata banalmente in ciò da cui mi allontanavo: l’organizzazione.

Ritagliati ogni giorno quello spazio temporale che ti serve per far vivere, curare, coltivare e aumentare la tua passione.

Che sia tanto o poco tempo non ha molta importanza, quello che conta davvero è l’obiettivo che deve essere fisso, costante e perentorio. Ad esempio a me piace cercare storie e una parte della mia giornata la dedico a questo. Per non incorrere nella noia, puoi variare la forma, lasciando inalterata la sostanza. Cerco storie nei libri, per le strade, fuori dalla finestra e ovviamente nella mia testa.

Mi sono data un ritmo.

Ho tolto tutto ciò che era un di più nella mia giornata. Tutte le cose che trovavo inutili e che mi assorbivano energia, ma che, da stupida, continuavo a ripetere quotidianamente. Ne ho ricavato una buona quantità di minuti, una quantità che non mi aspettavo.

Così, ogni giorno invece di sprecare il mio tempo, ho deciso di dedicare un’ora esclusivamente a ciò che sentivo potesse accrescermi e trasformarmi: la creatività.

Un’ora sola, uno spazio tutto mio, per essere completamente libera di far fluire le idee, di pensare, di creare. Anche quando non sembra portare da nessuna parte. Anche quando non ho voglia. Anche quando non sono dell’umore.

Devi capire che quello è il tuo spazio e devi solo concentrarti sul dargli un valore.

Ne beneficerà tutto il tuo tempo, sarai più consapevole del presente, del valore di ogni istante e imparerai a sprecarne sempre di meno.

È un po’ come mangiare, solo che in questo caso nutri il tuo essere e non il corpo. È un po’ come correre al mattino, poi il metabolismo rimane accelerato per tutto il giorno. Tutto è concatenato.

Dedica dei momenti della giornata esclusivamente alla tua passione, impara a valorizzare più che puoi quegli istanti. Da lì in poi le tue giornate prenderanno una nuova energia, ti sentirai più appagato. Poco per volta, dedicherai sempre meno tempo a ciò che non ti stimola, per dare più spazio invece a progetti per te eccitanti. Sarà il sale della tua vita.

Valorizza il tuo tempo, sarai più felice. È questo il bene più prezioso che ciascuno di noi possiede.

Ti potrebbero interessare anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.