Passo del Maniva in camper, una storia di acqua e di gomme a terra

Passo del Maniva in camper, una storia di acqua e di gomme a terra

609{icon} {views}

Andare al Passo del Maniva in camper alla base dell’omonimo comprensorio sciistico è un’esperienza da fare se vi piacciono la montagna, le soste libere e fare colazione con panorami che tolgono il fiato, ma non l’appetito. A tutto questo si possono aggiungere lo sci d’inverno e le passeggiate nelle altre stagioni.

Raggiungere il Maniva in camper

Il Maniva vero e proprio è una montagna delle Prealpi Retiche che dà però il proprio nome a una vasta area montana che circonda la vera cima del Monte Maniva. Così c’è il passo del Maniva, il Giogo del Maniva e il comprensorio del Maniva.

Ve lo diciamo subito se vi affidate per raggiungere i luoghi a Google Maps qui nascono i primi problemi. La zona è infatti così vasta che mettete Passo del Maniva Google vi porta in una zona desolata e certo irraggiungibile in camper. Per non fare questo errore vi basta impostare il navigatore su Maniva Ski, Chalet Maniva o Passo del Giogo.

Parcheggio camper al comprensorio del Maniva
Parcheggio camper al comprensorio del Maniva

Le vie d’accesso sono due, noi le abbiamo fatte entrambe e vi consigliamo caldamente di raggiungere il Maniva dalla Val Trompia attraverso il paese di Collio seguendo Via Maniva fino al Passo del Giogo. L’altra strada è quella che sale dalla Val Sabbia e da Bagolino. Noi l’abbiamo fatta a scendere ed è veramente stretta con tornanti altrettanto stretti e per di più con l’asfalto rovinato.

Lo spiazzo del Maniva Ski è però spettacolare così da farvi passare ogni scoramento pure se doveste (per sbaglio o per sfida) salire dalla Val Sabbia. La parte sterrata del piazzale è destinata a “Camper Park”; ce lo dice un cartello scritto a mano.

Parcheggio camper al comprensorio del Maniva
Parcheggio del Maniva con vista spettacolare

Dal piazzale iniziano le nostre mille e una avventura.

Bunker e trincee della Prima Guerra Mondiale

La prima in cui ci imbattiamo è sulle tracce della Guerra del 15-18. Questa è una zona in cui si sono combattute battaglie, si sono scavate trincee, grotte e bunker. Le visite guidate all’interno del bunker purtroppo sono sospese, quindi ci addentriamo lungo un sentiero fatto di trincee e buchi nella parete rocciosa. Io a un certo punto mollo il colpo e lascio proseguire per alcuni metri solo Gabriele. Il sentiero è troppo scivoloso e per me esposto. Farò la spettatrice del video di “quelli dell’arca” insieme a voi, almeno per vedere l’interno della grotta scavata nella roccia.

Maniva e la Prima Guerra Mondiale
Maniva e la Prima Guerra Mondiale

Cascate del Dasdana

Un’altra avventura incomincia quando cerchiamo di raggiungere le Cascate del Dasdana. Chiediamo a un pastore che ci dice che il sentiero per le cascate si prende da sotto e non da dove siamo noi. Abbiamo preso la strada silvo pastorale che sale alle spalle del Bar Hotel Dosso Alto Passo Maniva e ci troviamo ormai all’altezza del Rifugio Hotel Bonardi. Il pastore ci dice che siamo troppo lontani e ci dà già per persi ancora prima di dirci un sentiero per le cascate. In effetti il sentiero sembra proprio non esserci. A un certo punto ci troviamo divisi dalle cascate vere e proprie da un profondo dirupo. Le cascate sono di fronte a noi. Ma dall’altra parte. Si possono quasi toccare ma bisognerebbe volare.

Fata blu
Ci vuole la bacchetta magica

Non demordiamo (ma siamo tentati) e ci facciamo guidare da un’infinita distesa di crocus (altro che quelli visti a Schilpario). Qui ce ne sono a migliaia, aperti e grandi. Ritorniamo sulla strada asfaltata e tagliamo a destra verso una grande Malga. Da qui scolliniamo e siamo in vista di altri salti d’acqua, più modesti delle vere e proprie cascate, ma anche questi non scherzano. Decidiamo di non mollare e di raggiungere almeno la prima cascatella. Ci aspetta una discesa bella in pendenza sapendo già che sarà poi, al ritorno, una salita tosta e spacca gambe.

Crochi, simbolo di speranza e rinascita

Una volta che il sentiero torna pianeggiante, facciamo ancora un paio di curve e sentiamo il rombo della cascata. La cascata non si vede, c’è ancora una sola curva da fare. Ne siamo vicinissimi, ma un’altra sorpresa ci aspetta. Un guado. Un vero guado. Che fare? (Intanto Milka guada come se non ci fosse un domani, avanti e indietro nell’acqua alta qualche centimetro).

Guado per per le cascate del Dasdana
Guado per per le cascate del Dasdana

Dopo tutta la fatica, con la salita che ci aspetta non possiamo tornare a casa senza cascata. È deciso, via scarpe, via calze e si guada. L’acqua è quella di scioglimento della neve. Intorno a noi chiazze biancastre non ancora sciolte ci fanno capire che quest’anno la primavera è un po’ in ritardo. Bello scherzetto, l’acqua è gelida. Aghi e spilli ci pungono i piedi. La sensazione dura qualche istante poi il benessere di questo percorso kneipp improvvisato ci fa sentire leggeri e arzilli come mai. E la cascata è conquistata.

Cascata del Dasdana Maniva
Cascata del Dasdana Maniva

Il ritorno è veloce. La salita si fa sentire, ma decidiamo di pensare alle cose belle mangiando neve e tenendo lo sguardo basso sui nostri scarponi. E alla faccia del pastore riusciamo a tornare al camper stanchi ma integri.

L’acqua Maniva

Il Maniva è un monte che fa acqua (cosa potevamo aspettarci se non un guado a piedi scalzi?) Il Maniva fa acqua da tutte le parti e la fa nel vero senso della parola. L’acqua del Maniva viene intercettata alla fonte, incanalata in una galleria scavata nella montagna e non vede mai la luce fino all’imbottigliamento nello stabilimento Maniva a Bagolino. 

La strada del ritorno: tappa forzata al lago d’Idro per una gomma a terra

L’ultima avventura riguarda il tragitto di ritorno lasciando alle spalle il passo del Maniva in camper verso la Val Sabbia e il lago d’Idro. Sulla via insidiosa che porta a Bagolino scopriamo di avere una gomma praticamente a terra. Arriviamo, per mangiare una pizza all’Imbarcadero, ad Anfo, nostro posto ormai di casa, con la pressione a 2,5 bar. Che sfortuna ci tocca dormire sul lago d’Idro anche questa volta. Nel video vi facciamo vedere come è finita anche questa avventura.

previous arrow
Panorama dal Maniva verso Passo della Berga
Sentieri Maniva
Ancora tanta neve sui sentieri in Maniva
Ancora tanta neve sui sentieri in Maniva
Guado per per le cascate del Dasdana
Cascata del Maniva conquistata
Cascata del Dasdana Maniva
Cascata del Dasdana Maniva
Cascate del Dasdana Maniva
Guado in Maniva
Cascate del Dasdana Maniva
Maniva
Comprensorio sciistico del Maniva
Erica sul Monte Maniva
Sentieri Maniva
Strada che arriva al passo Crocedomini chiusa al traffico
Strada che arriva al passo Crocedomini chiusa al traffico
Strada che arriva al passo Crocedomini chiusa al traffico
Crocus fiore
Crochi, simbolo di speranza e rinascita
Crochi, simbolo di speranza e rinascita
Crocus
Neve
Monte Maniva e comprensorio sciistico
Maniva strada verso passo del Berga
Strada silvo pastorale
Verso il passo Crocedomini
Fata blu
Maniva panorama
Passo del Giogo al Maniva avvolti dalla nebbia
Bunker e trincee degli alpini sul Maniva
Parcheggio camper al passo del Maniva
Alpi Retiche
La strada dalla Val Trompia verso il Maniva e il Crocedomini
Maniva e la Prima Guerra Mondiale
Passo del Maniva giochi di luce
Parcheggio camper al comprensorio del Maniva
Parcheggio camper al comprensorio del Maniva
Panorama dal Maniva verso Passo della Berga
Sentieri Maniva
Ancora tanta neve sui sentieri in Maniva
Ancora tanta neve sui sentieri in Maniva
Guado per per le cascate del Dasdana
Cascata del Maniva conquistata
Cascata del Dasdana Maniva
Cascata del Dasdana Maniva
Cascata del Dasdana Maniva
Guado in Maniva
Cascate del Dasdana Maniva
Maniva
Comprensorio sciistico del Maniva
Erica sul Monte Maniva
Sentieri Maniva
Strada che arriva al passo Crocedomini chiusa al traffico
Strada che arriva al passo Crocedomini chiusa al traffico
Strada che arriva al passo Crocedomini chiusa al traffico
Crocus fiore
Crochi, simbolo di speranza e rinascita
Crochi, simbolo di speranza e rinascita
Crocus
Neve
Monte Maniva e comprensorio sciistico
Maniva strada verso passo del Berga
Strada silvo pastorale
Verso il passo Crocedomini
Fata blu
Maniva panorama
Passo del Giogo al Maniva avvolti dalla nebbia
Bunker e trincee degli alpini sul Maniva
Parcheggio camper al passo del Maniva
Alpi Retiche
La strada dalla Val Trompia verso il Maniva e il Crocedomini
Maniva e la Prima Guerra Mondiale
Passo del Maniva giochi di luce
Parcheggio camper al comprensorio del Maniva
Parcheggio camper al comprensorio del Maniva
next arrow
Panorama dal Maniva verso Passo della Berga
Sentieri Maniva
Ancora tanta neve sui sentieri in Maniva
Ancora tanta neve sui sentieri in Maniva
Guado per per le cascate del Dasdana
Cascata del Maniva conquistata
Cascata del Dasdana Maniva
Cascata del Dasdana Maniva
Cascata del Dasdana Maniva
Guado in Maniva
Cascate del Dasdana Maniva
Maniva
Comprensorio sciistico del Maniva
Erica sul Monte Maniva
Sentieri Maniva
Strada che arriva al passo Crocedomini chiusa al traffico
Strada che arriva al passo Crocedomini chiusa al traffico
Strada che arriva al passo Crocedomini chiusa al traffico
Crocus fiore
Crochi, simbolo di speranza e rinascita
Crochi, simbolo di speranza e rinascita
Crocus
Neve
Monte Maniva e comprensorio sciistico
Maniva strada verso passo del Berga
Strada silvo pastorale
Verso il passo Crocedomini
Fata blu
Maniva panorama
Passo del Giogo al Maniva avvolti dalla nebbia
Bunker e trincee degli alpini sul Maniva
Parcheggio camper al passo del Maniva
Alpi Retiche
La strada dalla Val Trompia verso il Maniva e il Crocedomini
Maniva e la Prima Guerra Mondiale
Passo del Maniva giochi di luce
Parcheggio camper al comprensorio del Maniva
Parcheggio camper al comprensorio del Maniva
previous arrow
next arrow

Qui di seguito vi lasciamo la nostra info box con tutte le indicazioni. Speriamo di avervi fatto scoprire (perché secondo noi merita molto) un altro bel posto da raggiungere in camper.
Fateci sapere nei commenti cosa ne pensate, ma anche le vostre avventure travestite con elementi tragicomici e se avete trovato interessante l’articolo, mi raccomando, condividetelo.

L’infobox del Maniva (Bs)

Informazioni e prezzi

  • Prezzo Sosta al comprensorio sciistico del Maniva: parcheggio gratuito 
  • Tempo (nostro) di percorrenza escursioni: Cascate del Dasdana 3 ore, visita trincee e ripari 1 ora

Informazioni sosta camper

INDIRIZZO DELLE NOSTRE SOSTE:Parcheggio gratuito

Cosa vedere, fare, sperimentare

  • TRINCEE E BUNKER GUERRA 15-18
  • TREKKING
  • CASCATE DEL DASDANA
  • NOLEGGIO E-BIKE
  • SCI

Periodo visita

Fine Maggio 2021

Ti potrebbero interessare anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.