Visitare l’antica città di Tharros in camper

Visitare l’antica città di Tharros in camper

1.2k{icon} {views}

Oggi ci rechiamo nella borgata di San Giovanni di Sinis nei pressi di Cabras. Riusciamo a parcheggiare il camper alle spalle della sua omonima e suggestiva chiesa paleocristiana.

Come spegniamo i motori del camper sentiamo avvolgerci da una strana atmosfera. Il piccolo borgo sembra un villaggio del West. Poco distante dalla chiesa si estendono da una parte stagni e dall’altra l’istmo di Capo San Marco su cui giacciono i resti dell’antica città di Tharros.

Ma andiamo per ordine.

La Chiesa di San Giovanni di Sinis

Innanzitutto è d’obbligo una visita all’interno della Chiesa di San Giovanni di Sinis. La chiesa è costruita in arenaria si presume presa dalle mura della vicina Tharros.

La sua forma è del tutto particolare. È risalente al periodo bizantino, siamo nel VI secolo. Recenti studi hanno confermato essere stata costruita sopra una preesistente necropoli pagana.

È una delle chiese più antiche della Sardegna.

Chiesa San Giovanni di Sinis esterno
Chiesa San Giovanni di Sinis: la facciata esterna dalle suggestive geometrie

Inizialmente doveva avere pianta centrale con 4 bracci uguali sovrastati al centro da una cupola, la classica croce greca iscritta in un quadrato. Nel X secolo fu ampliata con le due navate laterali sormontate dalle volte a botte. Il suo interno è essenziale e spoglio, con le pietre a vista, rese verdi dal muschio e dal tempo, i pilastri tozzi e semplicemente illuminata da bifore e piccole aperture nell’abside.

Insomma la chiesa di San Giovanni di Sinis ha su di noi un effetto di forte spiritualità forse è una suggestione creata dalle sue geometrie, dall’arenaria usata, dal suo orientamento verso est, dalle poche persone presenti in zona, ma sicuramente troviamo la chiesa imperdibile.

E poi proprio alle sue spalle riusciamo comodamente a parcheggiare il camper in un ampio piazzale sterrato.

La Spiaggia

Imperdibile è un termine che però ben s’addice a tutta la penisola del Sinis.

Spiaggia San Giovanni di Sinis
Spiaggia San Giovanni di Sinis: un mare davvero invitante

Costeggiamo le splendida spiaggia, qui di sabbia che finisce dentro a un mare azzurro bellissimo. Ci dobbiamo sforzare per non cadere in tentazione e proseguire poco oltre per visitare il sito archeologico della città di Tharros.

Tharros

È il secondo sito più visitato in Sardegna, l’altro è Barumini. L’antica città di Tharros era uno dei porti commerciali più importanti della Sardegna. Lo conferma anche un ritrovamento del relitto di una nave romana a sud della vicina Isola di Mal di Ventre. Ma la bellezza di Tharros è che non fu solo romana, ma vide passare diverse civiltà e oggi gli scavi hanno portato alla luce rovine stratificate poste su diversi livelli.

Tharros sorse su un insediamento nuragico. I primi ad abitarla furono i Fenici, poi i Cartaginesi, poi i Romani e i Bizantini. Finì per essere abbandonata, spopolata e presa da assalto dalle incursioni saracene.

Scavi archeologici antica città di Tharros
Scavi archeologici antica città di Tharros

L’antico insediamento presenta il mare calmo del golfo di Oristano da una parte e i resti delle mura di fortificazione che doveva proteggerla verso il mare aperto di Sardegna dall’altra. Fu fondata nel VIII secolo a. C. e abbandonata nel 1050 d.C. per dare origine ad Aristiane, oggi Oristano.

Le necropoli

Tutt’intorno alla città si estendevano le necropoli. Nel corso dell’800 ci fu una vera e propria corsa all’oro, dove le tombe vennero trafugate e i materiali dispersi e portati in ogni parte del mondo. Corredi tombali di Tharros sono oggi presenti al Metropolitan di New York e al British Museum di Londra.

La visita guidata

La visita agli scavi è comprensiva di guida che illustra e spiega le varie zone, il foro romano, i templi romani, quelli cartaginesi, perfettamente conservati grazie ai romani che ci costruirono sopra finendo col proteggerli e preservarli. Non sempre è facile capire in questo sovrapporsi di ruderi su livelli diversi le abitazioni, i cortili, le vie. Restiamo colpiti dall’abilità architettonica dei romani: strade ancora oggi perfettamente lastricate con elementi regolari in basalto e delimitate da rialzi laterali, una sorta di marciapiedi.

I romani avevano un impianto fognario, che correva sotto le vie principali, una delle più sorprendenti realizzazioni ingegneristiche romane della Sardegna. Fogne coperte. Per non parlare poi dei canali di adduzione idrica, canali per la raccolta dell’acqua, delle terme o del riutilizzo dell’acqua dei bagni termali per ragioni di pulizia, della costruzione di pozzi e di cisterne.

La Torre di San Giovanni di Sinis

Con lo stesso biglietto per il sito archeologico di Tharros entriamo anche alla Torre di San Giovanni. Una torre di avvistamento così chiamata per la vicinanza alla chiesa di San Giovanni di Sinis. Risale al XVI XVII secolo ed è stata costruita in posizione strategica sulla collina che sovrasta oggi gli scavi di Tharros, un tempo usata per avere ampia visuale sul Golfo di Oristano da una parte e sul mare di Sardegna dall’altra.

Il Golfo di Oristano per conformazione naturale è già protetto dal suo stretto ingresso, tant’è che le acque all’interno del golfo sono in prevalenza sempre molto tranquille qualunque sia il vento che soffia. Non a caso lo chiamano il “mare morto”. Comunque la torre era dotata pure di cannoni. La torre di San Giovanni sembra che sia stata costruita sopra un nuraghe preesistente utilizzando pietre della città di Tharros. È una torre che misura alla base un diametro di 14 metri, mentre è alta 15 metri, risulta essere un po’ diversa dalle altre torri di avvistamento perché è composta da due cilindri sovrapposti e sembra un po’ tozza.

L’interno non è grande da visitare, ma dalla sua cima si gode uno scenario straordinario, tra rovine archeologiche, spiagge da favola e l’istmo di San Marco che si allunga perdendosi nel blu del mare di Sardegna.

 
Torre San Giovanni di Sinis
Stagno di Cabras San Giovanni di Sinis
Spiaggia San Giovanni di Sinis
Penisola del Sinis
Scavi archeologici Tharros strada romana
Scavi archeologici Tharros
Scavi archeologici Tharros tempio cartaginese
Scavi archeologici Tharros colonne riproduzione
Scavi archeologici antica città di Tharros
Torre di San Giovanni penisola Sinis
Spiaggia San Giovanni di Sinis
Spiaggia San Giovanni di Sinis
Chiesa San Giovanni di Sinis interno
Chiesa San Giovanni di Sinis esterno
San Giovanni di Sinis
San Giovanni di Sinis zona pedonale
San Giovanni di Sinis chiesa
camper San Giovanni di Sinis chiesa
Cabras bottarga
Capo San Marco penisola del Sinis
Torre San Giovanni di Sinis
Stagno di Cabras San Giovanni di Sinis
Spiaggia San Giovanni di Sinis
Penisola del Sinis
Scavi archeologici Tharros strada romana
Scavi archeologici Tharros
Scavi archeologici Tharros tempio cartaginese
Scavi archeologici Tharros colonne riproduzione
Scavi archeologici antica città di Tharros
Torre di San Giovanni penisola Sinis
Spiaggia San Giovanni di Sinis
Spiaggia San Giovanni di Sinis
Chiesa San Giovanni di Sinis interno
Chiesa San Giovanni di Sinis interno
San Giovanni di Sinis
San Giovanni di Sinis zona pedonale
San Giovanni di Sinis chiesa
camper San Giovanni di Sinis chiesa
Cabras bottarga
Capo San Marco penisola del Sinis
previous arrow
next arrow
Torre San Giovanni di Sinis
Stagno di Cabras San Giovanni di Sinis
Spiaggia San Giovanni di Sinis
Penisola del Sinis
Scavi archeologici Tharros strada romana
Scavi archeologici Tharros
Scavi archeologici Tharros tempio cartaginese
Scavi archeologici Tharros colonne riproduzione
Scavi archeologici antica città di Tharros
Torre di San Giovanni penisola Sinis
Spiaggia San Giovanni di Sinis
Spiaggia San Giovanni di Sinis
Chiesa San Giovanni di Sinis interno
Chiesa San Giovanni di Sinis interno
San Giovanni di Sinis
San Giovanni di Sinis zona pedonale
San Giovanni di Sinis chiesa
camper San Giovanni di Sinis chiesa
Cabras bottarga
Capo San Marco penisola del Sinis
previous arrow
next arrow
INFORMAZIONI:

-Prezzo Sosta: gratuita in bassa stagione
-Costo ingresso area archeologica di Tharros + visita alla Torre di San Giovanni: 6,00 Euro a persona

INDIRIZZO DELLA
NOSTRA SOSTA
Chiesa di San Giovanni di Sinis, SP6, San Giovanni di Sinis, OR;
coordinate GPS 39.88227, 8.43868
(descrizione, prezzi e voto sulla nostra mappa).
PERIODO DELLA VISITAGiugno 2019
COSA FARE E
PUNTI D’INTERESSE
Visita all’area archeologica di Tharros
Mare e spiaggia eccezionali
Trekking fino a Capo San Marco
Torre di San Giovanni

Ti potrebbero interessare anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.